LA BIBLIOTECA


È uno degli spazi di più maggiore rilievo storico e culturale: creata poco dopo la nascita della Società, conserva attualmente più di 6.000 volumi pubblicati dal 1534 ai giorni nostri.

Si tratta di un patrimonio librario di grande valore costruito a partire dal 1843 quando i membri del Consiglio Direttore (questo era, all’epoca il nome dell’attuale Consiglio Direttivo) decidono di instituire un cospicuo fondo per “l’acquisto di opere periodiche di scienze, arti agricoltura”, di altri giornali e di “libri utili”, riguardanti ogni ramo dell’industria tecnica e dell’economia pubblica, periodici di scienza, arti e agricoltura, ingegneria, meccanica, fisica, chimica idraulica.

In seguito, la dotazione libraria si arricchisce di abbonamenti a riviste internazionali (tra i più famosi dell’epoca, i Bulletin de la Societé Industrielle de Mulhouse, gli Annali Universali di Statistica, lo Spettatore Industriale, per fare alcuni esempi); è conservata al suo interno anche la collezione degli Atti della Società che ne documentano l’attività dalla fondazione ad oggi.

La Biblioteca, tra i vari capolavori, vanta una copia (restaurata nel 2000) completa e originale dell’Edizione di Lucca 1758 – 1776 dell’Encyclopèdie Ou dictionnaire raisonnè des Sciences, des Arts et des Metiers di Diderot e d’Alembert e una copia completa della Description des Arts et Métiers di Duhamel du Monceau (1761 – 1779).

La Biblioteca, che rappresenta il complemento ideale di un istituto formativo e  si presenta come luogo particolarmente adatto per ospitare momenti di lavoro, seminari e workshop  grazie anche le attrezzature informatiche disponibili, racconta con i suoi volumi e la sua atmosfera la vocazione originaria di questa istituzione: illuminare col Sapere il mondo dell’Industria.

CHE COSA VUOI IMPARARE?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato su corsi e eventi.

Inserisci la tua email e iscriviti alla nostra newsletter